La sigaretta elettronica è sicuramente uno dei prodotti che maggiormente ha accresciuto la sua fama negli ultimi anni. Essa è infatti entrata a far parte del quotidiano di tantissime persone, anche e soprattutto perché viene considerata non solo molto meno dannosa delle sigarette tradizionali, ma anche perché viene considerata un buon alleato per smettere di fumare definitivamente.

Altra particolare peculiarità delle sigarette elettroniche è che si può scegliere il gusto del proprio svapo e la concentrazione di nicotina (o anche di CBD, come avviene su alcuni siti) presente nei liquidi da vaporizzazione. Inoltre, è possibile acquistare liquidi sigaretta elettronica Terpy, questo brand, infatti, è ormai uno dei più conosciuti sul web.

Ma la sigaretta elettronica è davvero completamente priva di rischi per la salute? Ovviamente no. Ancora molti sono i dubbi a riguardo, e scienziati e medici sono impegnati in numerosi studi e sperimentazioni per stabilire dove finiscano i benefici e dove comincino i pericoli per la salute.

Purtroppo, questo è attualmente un compito ancora arduo, proprio in relazione al fatto che la sigaretta elettronica è un prodotto ancora relativamente giovane, dunque è complicato stabilire gli effetti a lungo termine del suo utilizzo prolungato. I risultati ad oggi conosciuti si basano su studi attualmente condotti, ed è su questi che si basano le informazioni contenute nel presente articolo.

Vediamo dunque quali sono i reali benefici dell’utilizzo della sigaretta elettronica e quali invece i limiti.

La salute polmonare

Sono ormai noti a tutti i grossi danni per la salute causati dalle sigarette tradizionali: primi tra tutti i danni polmonari, che vanno da semplici sovrapproduzioni di muchi, alle bronchiti croniche, fino ai tumori (e in tal caso, purtroppo, non solo polmonari).

Tali effetti catastrofici sul nostro organismo sono dovuti alla produzione, tramite combustione, di ben più di 70 sostanze dannose contenute proprio all’interno delle sigarette tradizionali. Tra queste ritroviamo catrame, idrocarburi,metalli vari ecc.

Questo problema è praticamente eliminato dalle sigarette elettroniche, in quanto non avviene nessun tipo di combustione al loro interno. Il funzionamento infatti è ben diverso: abbiamo una batteria che fornisce a un atomizzatore, il quale scalda il liquido vaporizzandolo.

In questi vapori sono assenti le sostanze dannose che ritroviamo nelle sigarette tradizionali, ma sono presenti ovviamente altre sostanze tra cui anche quelle aromatizzanti. È proprio su queste sostanze che si stanno effettuando molti studi; infatti esse al momento risultano essere abbastanza innocue, soprattutto alle esigue concentrazioni in cui le ritroviamo nei liquidi da svapo, ma è ancora da chiarire quale sia il loro effetto a lungo termine, con una esposizione prolungata.

In ogni caso, fumatori di vecchia data, confermano di aver ricevuto un sensibile beneficio dal passaggio dalla sigaretta tradizionale a quella elettronica, soprattutto a livello polmonare. È stimato che la salute polmonare migliori dal 25 al 75%, permettendo un recupero significativo delle proprie capacità respiratorie e una diminuzione degli attacchi asmatici legati al consumo di sigarette.

Ti potrebbe interessare :  STASERA IN TV | SCARICA L'APP SUL TUO TELEFONO

Ad una migliore salute polmonare è ovviamente legata anche una aumentata capacità respiratoria. Infatti i consumatori testimoniano un miglioramento nel recupero del fiato e di conseguenza anche nelle prestazioni atletiche.

L’olfatto e il gusto

È tristemente risaputo che i fumatori incalliti di sigarette tradizionali abbiano una forte riduzione dell’olfatto e del gusto. Ciò è dovuto sempre ai fumi causati dalla combustione, che vanno a danneggiare le cellule sensoriali olfattive presenti nel naso e le papille gustative della lingua, soprattutto dopo esposizioni molto prolungate.

L’uso della sigaretta elettronica permette un recupero anche di queste due fondamentali facoltà. Inoltre, restando in ambito di gusto, i liquidi da vaporizzazione sono disponibili in diverse aromatizzazioni, da quelle classiche tabaccose per chi non è ancora pronto ad abbandonare il gusto classico della sigaretta, a quelle fresche, o fruttate, o cremose ecc. attenzione però perché anche su questi aromatizzanti sono in corso numerosi studi per stimarne l’effettivo effetto sull’organismo.

Il passaggio non traumatico

Passare dalla sigaretta classica a quella elettronica non è troppo traumatico per chi ad esempio sceglie di farlo per cominciare un percorso che lo porti a cessare definitivamente di fumare. Infatti, la sigaretta elettronica offre diversi vantaggi in questo senso.

Ti potrebbe interessare :  livetv sx | Sport in diretta live streaming, calcio moto e auto

Innanzitutto, un aiuto fondamentale viene dalla possibilità di scegliere la percentuale di nicotina presente nei liquidi. In Italia è consentita una percentuale che va dallo 0% al 1,6%, non oltre. Si può dunque scegliere una percentuale progressivamente decrescente della quantità di nicotina per abituarsi gradualmente ad abbandonare questa sostanza fortemente nociva per l’organismo.

Inoltre, un importante fattore psicologico è rivestito dal gesto stesso del fumare. L’atteggiamento del fumatore e tutti i riti che ne conseguono, dalla pausa caffè al fumare in compagnia di altri, influiscono moltissimo sul fattore dipendenza. Infatti, vanno a creare una vera e propria abitudine anche nella gestualità che è difficile abbandonare del tutto.

La sigaretta elettronica, nel gesto dello svapo, somiglia moltissimo a quella tradizionale, e questo aiuta il fumatore più incallito a abituarsi meglio a questo nuovo modo di fumare, o meglio svapare, senza un passaggio troppo traumatico. Non si può dire lo stesso ad esempio di altri dispositivi utilizzati per chi vuole smettere di fumare. Basti pensare ai cerotti alla nicotina o alle gomme da masticare: decisamente questi non ricordano una sigaretta tradizionale nel modo di consumarli.

Dunque, è chiaro che la sigaretta elettronica sia molto più vantaggiosa e molto meno dannosa di una tradizionale. La cosa importante però è essere sempre cauti nelle proprie scelte, e per non avere mai dubbi si può consultare, in materia di salute, siti autorevoli quali quello dell’OMS.